COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE

SIMNE

Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica

L’anno 2017 il giorno 1 del mese di gennaio 2017 presso Ristorante La Verace situato in Bologna, senza assistenza dei testimoni per espressa e concorde rinunzia dei comparenti sono comparsi i signori identificati nel foglio presenze, allegato al presente atto quale parte integrante e sostanziale sotto la lettera “A” i quali, riuniti in assemblea generale costituente in qualità di fondatori convengono quanto segue:

ARTICOLO 1
DENOMINAZIONE

Viene costituita, ai sensi degli artt. 36, 37 e 38 del codice civile, fra gli odierni comparenti una associazione a carattere scientifico e culturale denominata: “SIMNE – Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica”.

ARTICOLO 2
SEDE

L’associazione ha sede in Montemarciano (AN) alla via Grotte di Frasassi, 17. Tale sede potrà essere trasferita in altro luogo in base a semplice decisione del Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo ha altresì facoltà di deliberare l’istituzione di uffici e sedi secondarie nello stesso comune. Solo l’Assemblea potrà decidere di spostare in altro Comune la sede prescelta.

ARTICOLO 3
SCOPI

L’associazione non ha fini di lucro ed ha finalità di interesse generale e di utilità sociale, con i seguenti scopi:

  1. divulgazione, formazione e ricerca scientifica tramite convegni, corsi, congressi, seminari, incontri, poster, brochure, articoli, sia scientifici che divulgativi, in tema di nutrizione e stile di vita ancestrale ed evoluzionistico generale ed adattato a tutte le fasce di età e alle varie condizioni; dieta ancestrale, del paleolitico e del cacciatore-raccoglitore, equilibrio acido-base, stress ossidativo, invecchiamento di successo, nutrizione umana correlata all’attività fisica, sportiva ricreativa, amatoriale e ad alto livello, postura, gestione dello stress, tecniche alimentari, enogastronomiche e di allevamento del bestiame, metodi di coltivazione ortaggi e frutta ed argomenti similari.
  2. creazione e gestione di uno o più siti internet con articoli tecnico scientifici comprendenti le più recenti pubblicazioni inerenti ai temi come sopra esposti, sia a fini divulgativi che di ricerca scientifica.
  3. sostegno di scambi scientifici e culturali tra ricercatori e cultori italiani e stranieri afferenti le materie sopra indicate;
  4. costituzione di un punto di riferimento scientifico per gli interessati ed i cultori delle tematiche espresse nei punti precedenti, favorendo inoltre collaborazioni interdisclipinari;
  5. promozione sul territorio nazionale Italiano di Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) o similari per favorire il consumo di alimenti e bevande di qualità, possibilmente ma non esclusivamente a km zero, a prezzi convenienti;
    Al fine di raggiungere i propri scopi sociali l’associazione potrà assumere interessenze e partecipazioni in altri enti, organismi e società con finalità analoghe alla propria, nonché costituire o promuovere la formazione e lo sviluppo di fondazioni, istituzioni o società comunque utili al raggiungimento degli obiettivi scientifici e culturali sopra indicati.
ARTICOLO 4
DURATA

La durata dell’associazione è di anni 99 (novantanove). Eventuali proroghe verranno stabilite alla scadenza dei termini e con nuova Assemblea.

ARTICOLO 5
RINVIO ALLO STATUTO

L’associazione è retta dallo Statuto che al presente si allega sotto la lettera “B” per farne parte integrante e sostanziale.

ARTICOLO 6
CONSIGLIO DIRETTIVO PROVVISORIAMENTE ELETTO

In deroga alle norme statutarie i comparenti eleggono provvisoriamente un Consiglio Direttivo nelle persone dei signori: – Angelo Rossiello, in qualità di Presidente eletto; Cristina Tomasi in qualità di Vice-presidente – Emidio Troiani, in qualità di segretario; – Gianfranco Greco, in qualità di Tesoriere, i quali tutti dichiarano di accettare le rispettive cariche. Il Consiglio Direttivo testè nominato, che provvederà alla nomina del Comitato Scientifico pro tempore e dell’Ufficio Stampa pro tempore, durerà in carica fino alla prima Assemblea degli associati che avverrà entro e non oltre il 31 maggio 2017 e che provvederà alla definitiva nomina dei membri del Consiglio stesso, nonché alla nomina del Comitato Scientifico definitivo e dell’Ufficio Stampa definitivo. Al Presidente del Consiglio Direttivo spetta la rappresentanza legale dell’associazione di fronte ai terzi ed in giudizio.

ARTICOLO 7
PRIMO ESERCIZIO E DETERMINAZIONI FINALI

Il primo esercizio si chiuderà il 31 dicembre 2017. Le spese, le imposte, e tasse per quest’atto e sue conseguenti sono a carico dell’Associazione, precisandosi che il fondo comune versato dagli associati fondatori in data odierna è pari ad euro 80,00. Gli associati fondatori:
Angelo Rossiello, Cristina Tomasi, Emidio Troiani, Gianfranco Greco, Flavio Leonori, Riccardo Dapretto, Francesco Balducci, Andrea Urso, Francesca Cavallini, Giovanni Parisi, Helmuth Ruatti, Emanuele Gambacciani, Alessio Angeleri

ALLEGATO “A”

Foglio presenze soci fondatori: Gli associati fondatori:

  • Angelo Rossiello
  • Cristina Tomasi
  • Emidio Troiani
  • Gianfranco Greco
  • Flavio Leonori
  • Riccardo Dapretto
  • Francesco Balducci
  • Simone Ugo Urso
  • Federica Cavallini
  • Giovanni Parisi
  • Helmuth Ruatti
  • Emanuele Gambacciani
  • Alessio Angeleri
  • Giacomo Ingarao
  • Massimo Vincenti
  • Andrea Luchi
  • Enrico Colosi

ALLEGATO “B”

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE DENOMINATA:

SIMNE

Società Italiana di Medicina e Nutrizione Evoluzionistica”

CAPITOLO 1

COSTITUZIONE – SEDE – SCOPI – DURATA – INDIPENDENZA

ARTICOLO 1 – DENOMINAZIONE

Viene costituita, ai sensi degli artt. 36, 37 e 38 del codice civile, fra gli odierni comparenti una associazione a carattere scientifico e culturale denominata: “SIMNE – Società Italiana di Nutrizione Evoluzionistica”.

ARTICOLO 2 – SEDE

L’associazione ha sede in Montemarciano (AN) alla via Grotte di Frasassi, 17. Tale sede potrà essere trasferita in altro luogo in base a semplice decisione del Consiglio Direttivo. Il Consiglio Direttivo ha altresì facoltà di deliberare l’istituzione di uffici e sedi secondarie nello stesso comune. Solo l’Assemblea potrà decidere di spostare in altro Comune la sede prescelta.
L’associazione non ha fini di lucro ed ha finalità di interesse generale e di utilità sociale, con i seguenti scopi:

  • 6) divulgazione, formazione e ricerca scientifica tramite convegni, corsi, congressi, seminari, incontri, poster, brochure, articoli, sia scientifici che divulgativi, in tema di nutrizione e stile di vita ancestrale ed evoluzionistico generale ed adattato a tutte le fasce di età e alle varie condizioni; dieta ancestrale, del paleolitico e del cacciatore-raccoglitore, equilibrio acido-base, stress ossidativo, invecchiamento di successo, nutrizione umana correlata all’attività fisica, sportiva ricreativa, amatoriale e ad alto livello, postura, gestione dello stress, tecniche alimentari, enogastronomiche e di allevamento del bestiame, metodi di coltivazione ortaggi e frutta ed argomenti similari.
  • 7) creazione e gestione di uno o più siti internet con articoli tecnico scientifici comprendenti le più recenti pubblicazioni inerenti ai temi come sopra esposti, sia a fini divulgativi che di ricerca scientifica.
  • 8) sostegno di scambi scientifici e culturali tra ricercatori e cultori italiani e stranieri afferenti le materie sopra indicate;
  • 9) costituzione di un punto di riferimento scientifico per gli interessati ed i cultori delle tematiche espresse nei punti precedenti, favorendo inoltre collaborazioni interdisclipinari;
  • 10) promozione sul territorio nazionale Italiano di Gruppi di Acquisto Solidale (GAS) o similari per favorire il consumo di alimenti e bevande di qualità, possibilmente ma non esclusivamente a km zero, a prezzi convenienti;
    Al fine di raggiungere i propri scopi sociali l’associazione potrà assumere interessenze e partecipazioni in altri enti, organismi e società con finalità analoghe alla propria, nonché costituire o promuovere la formazione e lo sviluppo di fondazioni, istituzioni o società comunque utili al raggiungimento degli obiettivi scientifici e culturali sopra indicati.
ARTICOLO 4 – DURATA

La durata dell’associazione è di anni 99 (novantanove). Eventuali proroghe verranno stabilite alla scadenza dei termini e con nuova Assemblea.

ARTICOLO 5 – INDIPENDENZA

L’associazione è libera ed indipendente e non ha nessun vincolo con marchi commerciali.

CAPITOLO 2

FONDO COMUNE

ARTICOLO 6 – PATRIMONIO SOCIALE

Il patrimonio dell’associazione sarà costituito:

  • a) dalle quote associative annue versate dai Soci la cui misura viene fissata dall’Assemblea degli Associati su proposta del Consiglio Direttivo;
  • b) da eventuali donazioni e dalle somme comunque pervenute;
  • c) da sovvenzioni ad essa accordate. In coerenza con quanto espresso nell’articolo 5 del presento statuto, non potranno essere ammessi proventi per sponsorizzazioni da marchi commerciali.
CAPITOLO 3

SOCI

ARTICOLO 7

Possono essere Soci dell’associazione sia Enti che tutte le persone fisiche e giuridiche che fossero interessate ai suoi scopi.
I Soci si distinguono in Soci Fondatori, Ordinari, Onorari e Sostenitori

ARTICOLO 8

Sono Soci Fondatori coloro che sono intervenuti nell’atto di costituzione dell’associazione; essi non hanno l’obbligo di versare la quota associativa annuale.

ARTICOLO 9

Sono Soci Ordinari coloro la cui domanda di ammissione, venga accettata, con parere unanime e insindacabile, dal Consiglio Direttivo. I Soci Ordinari ed i Soci Sostenitori verseranno, all’atto dell’ammissione e, in seguito, annualmente, la quota di associazione nella misura e con le modalità che verranno di anno in anno stabilite dall’Assemblea degli Associati su proposta del Consiglio Direttivo. La quota associativa dovrà essere versata entro e non oltre il 31 dicembre di ogni anno. Con la stessa domanda il Socio si impegna, in caso di accettazione, ad osservare lo statuto, i regolamenti e tutte le decisioni che adotteranno gli organi statutari. E’ esclusa la distribuzione, anche in forma indiretta, di utili o avanzi di gestione, nonché fondi, riserve o capitali durante la vita dell’Associazione, salvo diversa prescrizione di legge.

ARTICOLO 10

Il socio che dimostri un comportamento non consono con le finalità dell’associazione potrà essere escluso su decisione del Consiglio Direttivo, previa ammonizione e diffida. L’esclusione del socio verrà pubblicizzata ai terzi con ogni mezzo, al fine di salvaguardare i principi etici a cui l’associazione si richiama e di mantenere intatti i requisiti di indipendenza sopra indicati

ARTICOLO 11

Potranno essere chiamate a far parte dell’associazione, in qualità di Soci Onorari, personalità che si siano distinte per altissimi meriti nel settore di interesse dell’associazione. La proposta di ammissione verrà loro presentata dal Consiglio Direttivo dell’associazione. I Soci Onorari non sono vincolati ad oneri relativi alla quota associativa.

ARTICOLO 12

L’appartenenza all’associazione cessa:

  • a) per dimissioni, che devono essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo, con un preavviso di 90 giorni;
  • b) per mancata partecipazione attiva ai programmi dell’associazione per almeno un anno, accertata dal Consiglio Direttivo;
  • c) per decesso, qualora l’associato sia persona fisica;
  • d) per scioglimento, qualora l’associato sia persona giuridica o altro ente.

Il Consiglio Direttivo ha la facoltà di procedere alla radiazione per gravi motivi. Nella relativa votazione il Socio, la cui radiazione è stata proposta deve astenersi dal voto anche se occupa la carica di Consigliere. Il Socio receduto o escluso, o che comunque abbia cessato di far parte dell’associazione, non può vantare alcun diritto sui contributi versati o sul patrimonio dell’associazione.

ARTICOLO 13

A garanzia del carattere libero, etico ed indipendente della associazione richiamato nell’articolo 5 del presente statuto, i soci fondatori ed ordinari non debbono avere nessun interesse di tipo commerciale in rapporto alle materie indicate fra gli scopi associativi, pena l’esclusione dall’associazione.

CAPITOLO 4

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

ARTICOLO 14

Sono organi dell’associazione:

  • a) l’Assemblea dei Soci;
  • b) il Consiglio Direttivo;
  • c) il Presidente Eletto.
CAPITOLO 5

ASSEMBLEA DEI SOCI

ARTICOLO 15

L’Assemblea dei Soci può essere ordinaria o straordinaria.

ARTICOLO 16

Spetta all’Assemblea Ordinaria:

  • a) nominare i membri del Consiglio Direttivo previa determinazione del loro numero;
  • b) approvare il bilancio preventivo e quello consuntivo di ogni esercizio sociale;
  • c) discutere e deliberare in merito a eventuali altri argomenti ad essa sottoposti dal Consiglio Direttivo, con esclusione di quelli di competenza dell’Assemblea straordinaria.
  • d) il Consiglio Direttivo nomina i membri del Comitato Scientifico previa determinazione del loro numero
  • 6) il Consiglio Direttivo nomina i membri dell’Ufficio Stampa previa determinazione del loro numero
ARTICOLO 17

L’Assemblea Ordinaria dei Soci è convocata dal Presidente dell’associazione almeno una volta all’anno, entro il 30 aprile, per l’approvazione dei bilanci. Gli esercizi sociali si chiudono il 31 dicembre di ogni anno. La convocazione dovrà avvenire mediante comunicazione scritta, anche a mezzo telefax, email con riscontro di lettura o altri mezzi telematici per i quali si possa dar prova dell’invio e del ricevimento della comunicazione, diretta a ciascun Socio con le indicazioni relative all’ordine del giorno, alla data, all’ora e al luogo, e deve essere inviata almeno quindici giorni prima della data fissata per l’Assemblea.

ARTICOLO 18

Hanno diritto di intervenire all’Assemblea tutti i Soci Fondatori e i Soci Ordinari in regola con il pagamento della quota annua di associazione.

ARTICOLO 19

L’Assemblea ordinaria è legalmente costituita in prima convocazione quando intervenga almeno la metà dei Soci. In mancanza, l’Assemblea è rinviata, in seconda convocazione, a non oltre 30 giorni. In seconda convocazione l’Assemblea è validamente costituita quale che sia il numero dei Soci intervenuti. La data della seconda convocazione può essere fissata nello stesso avviso della prima.

ARTICOLO 20

L’Assemblea delibera a maggioranza dei Soci intervenuti personalmente o per delega.

ARTICOLO 21

L’Assemblea è presieduta dal Presidente Eletto del Consiglio Direttivo ovvero, in sua assenza, dal Vicepresidente, in sua assenza dal membro più anziano in carica del Consiglio Direttivo. Il Presidente dell’Assemblea nomina tra gli intervenuti un segretario verbalizzante. Spetta al Presidente constatare la regolarità delle deleghe e il diritto di intervento all’Assemblea. Delle riunioni di Assemblea il segretario redige verbale firmato da lui e dal Presidente dell’Assemblea.

ARTICOLO 22

L’Assemblea Straordinaria ha competenza esclusiva in ordine alle modifiche dello statuto e allo scioglimento dell’associazione. L’Assemblea straordinaria può essere convocata per delibera del Consiglio Direttivo oppure per domanda di almeno la metà dei Soci. Per la validità delle delibere dell’Assemblea straordinaria è necessaria la presenza di almeno la metà dei Soci e il voto favorevole dei tre quinti dei Soci presenti.

CAPITOLO 6

CONSIGLIO DIRETTIVO

ARTICOLO 23

L’associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo eletto dall’Assemblea Ordinaria dei Soci e composto da almeno tre e da non più di dodici membri. Per la prima volta, la determinazione del numero dei membri e la loro nomina vengono effettuate nell’Atto costitutivo.

ARTICOLO 24

Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni. In caso di dimissioni o decesso di un consigliere prima della scadenza del mandato il Consiglio Direttivo provvede alla sua sostituzione. I consiglieri così eletti rimangono in carica sino alla successiva Assemblea ordinaria. La carica di consigliere è gratuita fatto salvo il rimborso delle spese sostenute per ragioni del proprio ufficio.

ARTICOLO 25

Il Consiglio Direttivo nomina nel proprio seno il Presidente Elettivo, provvedendo all’attribuzione dei compiti di Segreteria e di Tesoreria. Esso si riunisce tutte le volte che il Presidente lo ritenga necessario o quando ne sia fatta richiesta da almeno la metà dei suoi membri.

ARTICOLO 26

Per la validità delle deliberazioni del Consiglio Direttivo occorre la presenza di almeno la metà dei consiglieri ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti; in caso di parità, il voto del Presidente determina la maggioranza. Alle sedute del Consiglio direttivo potrà partecipare anche il Presidente Onorario, fornendo parere non vincolante

ARTICOLO 27

Il Presidente Elettivo del Consiglio Direttivo rappresenta legalmente l’associazione nei confronti dei terzi ed in giudizio e cura l’esecuzione dei deliberati dell’Assemblea e del Consiglio. Il Presidente Elettivo del Consiglio Direttivo potrà delegare in parte i propri poteri ad altri membri del medesimo.

ARTICOLO 28

Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione dell’associazione. Esso ha il potere di decidere sulle iniziative da assumere e sui criteri da seguire in merito al conseguimento degli scopi dell’associazione. Esso inoltre attende allo sviluppo dell’associazione nei suoi rapporti con Istituzioni, Associazioni ed Enti. In particolare il Consiglio Direttivo

  • a) fissa le direttive per l’attuazione dei compiti statutari, ne stabilisce le modalità e le responsabilità di esecuzione e controlla l’esecuzione stessa
  • b) decide sugli interventi patrimoniali;
  • c) decide sulle ammissioni, dimissioni, esclusioni dei Soci, nel rispetto delle procedure indicate nell’articolo 9 e seguenti;
  • d) propone all’Assemblea l’importo delle quote annue di associazione;
  • e) decide sull’attività e le iniziative dell’associazione e sulla sua collaborazione con terzi;
  • f) redige i progetti di preventivo, rendiconto e stato patrimoniale da presentare all’Assemblea dei Soci; redige apposita relazione da allegare al rendiconto.
ARTICOLO 29

L’associazione si avvale di un Comitato Scientifico. I membri di tale Comitato saranno nominati dal Consiglio Direttivo unitamente al Presidente

ARTICOLO 30

L’associazione si avvale di un Ufficio Stampa. I membri di tale Comitato saranno nominati dal Consiglio Direttivo unitamente al Presidente. Tutti i comunicati dell’Ufficio Stampa dovranno essere letti ed approvati per iscritto o con una firma dal Presidente in carica.

ARTICOLO 32

L’associazione si avvale di un Ufficio “Marchio di Qualità”. I membri di tale Ufficio saranno nominati dal Presidente, sentito il Consiglio Direttivo. Il “Marchio di Qualità” sarà rilasciato a tutti i produttori di cibo, coerenti con i fini dell’Associazione, che ne facessero richiesta. Il certificato sarà rilasciato solo dopo rigorosi controlli indipendenti che verranno definiti all’atto della costituzione di codesto Ufficio. I produttori di cibo che facessero richiesta del Marchio, dovranno accollarsi per intero le spese.

ARTICOLO 33

Il Presidente controlla il funzionamento dell’Associazione nel rispetto dell’autonomia degli organi sociali e ne è il legale rappresentante in ogni evenienza
Il Presidente assolve i seguenti compiti:

  • a- provvede al disbrigo degli affari correnti ed all’ordinaria amministrazione;
  • b- convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo dando forma esecutiva alle deliberazioni dello stesso;
  • c- firma gli atti e ne delega la firma
  • d- convoca l’Assemblea sociale
  • e- può operare sul Conto Corrente al pari del Tesoriere.
  • f- In caso di temporanea assenza o impedimento, il Presidente delega in tutto od in parte le sue funzioni o i suoi poteri al Vicepresidente
ARTICOLO 34

Il Vicepresidente sostituisce il Presidente in caso di sua assenza o impedimento temporaneo ed in quelle mansioni nelle quali venga espressamente delegato

ARTICOLO 35

Il Segretario da esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del Consiglio Direttivo, redige i verbali delle riunioni, attende alla corrispondenza, Ha il compito di organizzare, sostenuto dai soci, eventi

ARTICOLO 36

Il tesoriere cura l’Amministrazione della Società e si fa carico della tenuta dei libri contabili nonché delle riscossioni e dei pagamenti da effettuarsi previo mandato del Consiglio Direttivo. Con il Presidente può operare sul Conto Corrente Bancario.

ARTICOLO 37

L’anno sociale e l’esercizio finanziario iniziano il 1° gennaio e terminano il 31 dicembre di ogni anno. Entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio il Consiglio Direttivo redige un rendiconto economico e finanziario ed un bilancio preventivo da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea dei Soci secondo le disposizioni del presente Statuto.
Il rendiconto deve essere chiaro e trasparente. Copia del rendiconto deve essere messa a disposizione di tutti gli associati, con la convocazione dell’Assemblea che ha nell’ordine del giorno l’approvazione.

ARTICOLO 38 (Patrimonio Sociale)

Il patrimonio Sociale è costituito da:

  • a- Beni mobili ed immobili che sono o diventeranno proprietà dell’Associazione
  • b- Gli eventuali fondi di riserva costituiti con le eccedenze di bilancio
  • c- Eventuali erogazioni, donazioni e lasciti effettuati dai Soci, da privati o Enti
  • Le entrate dell’Associazione per il conseguimento dei propri fini istituzionali sono costituite da:
  • a- Le quote sociali e dai corrispettivi specifici versati dai Soci per le attività sociali
  • b- L’utile derivante dalle attività e manifestazioni eventualmente organizzate o alle quali essa partecipa
  • c- Gli introiti derivanti da pubblicità e sponsorizzazione od ogni eventuale entrata che concorra ad incrementare l’attivo sociale
ARTICOLO 39

Tutte le controversie insorgenti tra l’associazione ed i soci e trai i Soci medesimi saranno devolute alla esclusiva competenza di un Collegio Arbitrale nominato, all’uopo, dal Consiglio Direttivo.
La parte che vorrà sottoporre la questione al Collegio Arbitrale dovrà comunicarlo all’altra tramite lettera raccomandata da inviarsi entro il termine perentorio di venti giorni dalla data dell’evento originante la controversia, ovvero dalla data in cui la parte che ritiene di aver subito il pregiudizio ne sia venuta a conoscenza, indicando pure il nominativo del proprio “arbitro”.

CAPITOLO 7

SCIOGLIMENTO

ARTICOLO 40

Lo scioglimento dell’associazione viene deliberato dall’Assemblea straordinaria dei Soci – come previsto dall’art. 22 del presente statuto – la quale nominerà uno o più liquidatori determinandone i poteri. Il residuo attivo della liquidazione sarà interamente devoluto secondo quanto indicato dall’art. 4.

CAPITOLO 8

DISPOSIZIONI FINALI

ARTICOLO 41

Per quanto non previsto dal presente statuto, saranno applicate le leggi vigenti in materia.

Letto, confermato e sottoscritto.
Bologna, lì 14 gennaio 2017.

Gli associati fondatori:

  • Angelo Rossiello
  • Cristina Tomasi
  • Emidio Troiani
  • Gianfranco Greco
  • Flavio Leonori
  • Riccardo Dapretto
  • Francesco Balducci
  • Simone Ugo Urso
  • Federica Cavallini
  • Giovanni Parisi
  • Helmuth Ruatti
  • Emanuele Gambacciani
  • Alessio Angeleri
  • Giacomo Ingarao
  • Massimo Vincenti
  • Andrea Luchi
  • Enrico Colosi